DONNA
Piedi: consigli e rimedi di bellezza per l'estate
Scritto il 2015-06-11 da Chiara su Bellezza

Fonte: theamericanspokesmodel.com

Con l'estate ormai alle porte e la voglia di liberarli dalle pesanti calzature della stagione fredda, i piedi ritrovano la necessità di ricevere le migliori cure per potersi mostrare al meglio in ogni occasione; dal lavoro al tempo libero, fino alle serate o alle afose giornate da trascorrere in spiaggia, non manca di certo il modo per poter far respirare le estremità e mostrarle al massimo della loro forma. È dunque questo il momento per intensificare i trattamenti di bellezza, la pedicure classica e tutti quegli altri grandi e piccoli accorgimenti necessari a ricreare la situazione di benessere ideale; ecco dunque alcuni suggerimenti da seguire per dei piedi perfetti da sfoggiare con orgoglio e senza timore.

Pelle e unghie dei piedi: come prendersene cura

Per prima cosa, è fondamentale iniziare dalla pelle: maschere, creme e prodotti specifici rappresentano il modo più efficace per rimuovere le callosità e gli ispessimenti causati dal continuo sfregamento con calze e scarpe; una volta ammorbidite, possono essere rimosse sia in autonomia, nei casi più lievi, che da uno specialista che sarà in grado di agire consapevolmente senza rischi per la cute sottostante. Anche i massaggi praticati sfregando lentamente ma con decisione la pianta del piede e allungando delicatamente le dita, magari con l'aiuto di creme che facilitano lo sfregamento, possono aiutare, contribuendo a riattivare la circolazione e la mobilità. Dare un nuovo colore alle unghie, poi, utilizzando le tonalità di smalto più in voga del momento come le tonalità pastello o gli immancabili nude e tortora, fino al classico rosso fuoco, può contribuire a donare loro una luce nuova dopo il grigiore invernale.

Caldo: rimedi e consigli per combattere gli effetti dell'alta temperatura

Il calore estivo, oltre al piacere dei vestiti che si alleggeriscono e alle scarpe che scompaiono, porta con sé alcune problematiche come il gonfiore e l'incidenza di vesciche dovute allo sfregamento del piede nudo contro le suole e le parti più rigide delle calzature. In entrambi i casi, alcuni piccoli e semplici rimedi possono contribuire efficacemente a riportare le estremità al massimo delle loro potenziali: pediluvi con sale marino e oli essenziali, dal timo alla menta passando per il profumato limone, alternando acqua calda e fredda possono mostrarsi utili già dopo il primo ciclo, magari concludendo il percorso con una maschera emolliente e drenante; nel secondo caso, invece, meglio prevedere ove possibile con gli appositi cuscinetti in silicone mentre, una volta presenti sull'epidermide, è consigliabile evitare di forare le vesciche che così perderebbero il liquido interno, il quale funge da protezione per la delicatissima pelle degli strati inferiori, e ripiegare invece sui cerotti idrocolloidali in grado di favorirne l'assorbimento fino alla totale guarigione dei piedi.

Articoli Correlati
Preferisci vestirti in modo spaventoso o adori essere spaventato?! Ad Halloweeen tutti gli appassionati cercano i vestiti, i trucchi, le ricette più bizzarre e horror per stupire e terrorizzare gli amici. I film degli anni '80, per esempio, sono una grande fonte di ispirazione per chi ama Halloween. Per la notte stregata vuoi truccarti da bambola assassina? Pizzi e merletti come abito, mentre per il make up basterà ottenere un colorito pallido usando un fondotinta chiaro, truccare gli occhi con un ombretto scuro e una matita nera per contorno e poi aggiungere delle lunghissime ciglia finte. Tanto blush, labbra a forma di cuore e il trucco di Halloween sarà incredibile. Il make up da bambola si intonerà a un'acconciatura ordinata realizzata con cerchietto e capelli sciolti. Hai un diavolo per capello?! Se vuoi essere una strega selvaggia dovrai cotonare i capelli o passare una piastra per ottenere l'effetto frisè: il capello crespo e vaporoso starà molto bene con un trucco che si concentra sullo sguardo. Via libera a mascara sbavato e matita imprecisa! Se invece sei una fata dei boschi scegli un trucco meno dark: capelli con la riga in mezzo, trecce oppure morbidi boccoli. Cignon e tanto glossy per il look da vampira: che Halloween abbia inizio!

Bellezza - Comunicablog

Gli integratori alimentari stanno prendendo sempre più piede nel mondo dello sport, anche e soprattutto in quello dell’allenamento amatoriale; nonostante i pareri discordi del mondo medico sulla loro reale utilità, non mancano studi scientifici che ne supportano l’utilizzo soprattutto in determinate condizioni di salute e in base al workout da affrontare. Inserire nella propria routine determinati prodotti può dunque effettivamente dimostrarsi efficace, con risultati tangibili già dopo le prime assunzioni; sebbene sia d’importanza fondamentale ricordare di concordare sempre con il proprio medico curante la possibilità d’utilizzo d’integratori prima e dopo l’attività sportiva, ecco una piccola guida contenente alcuni dei più utilizzati in base al tipo di lavoro da affrontare. Quando si parla di sport di potenza, come la corsa su breve e media distanza, le attività di palestra comprese quelle in sala pesi così come cyclette, tapis roulant, la gettonatissima zumba e altre attività aerobiche, gli integratori più comuni sono sicuramente a base di sali minerali; comuni e facili da acquistare nei punti vendita della grande distribuzione così come in farmacia, si vanno ad aggiungere a quanto già assimilato quotidianamente con l’alimentazione aiutando a tenere il corpo reattivo anche quando ci si ritrova davanti a una sudorazione elevata. Anche gli integratori a base di amminoacidi ramificati, amminoacidi semplici così come la creatina rientrano nella cerchia dei più utilizzati: il primo per recuperare le energie in seguito a uno sforzo di grande intensità mentre gli ultimi due per aumentare la massa muscolare e la forza della contrazione, soprattutto quando la normale alimentazione ne è povera. Utili anche in caso di workout basati sulla resistenza, i sali minerali insieme alle vitamine sono gli integratori maggiormente utilizzati; tra le mire degli sportivi vi sono in questo tipo di attività, come il podismo e le maratone, il ciclismo e qualunque sporta con durata superiore all’ora continuativa, ancora una volta gli amminoacidi ramificati e le maltodestrine, polimeri derivati dagli amidi: queste sostanze diventano utili se assunte prima di allenamenti prolungati, vista la capacità di fornire energia all’organismo a partire da 60 minuti dall’ingestione; in particolare le maltodestrine e i derivati vengono assorbiti al meglio se disciolti in acqua e bevute lentamente. Ultima e ancora discussa per la sua reale utilità è la carnitina, un amminoacido in grado di trasformare i grassi, attraverso il processo di ossidazione, in energia; utilizzata da molti sportivi è stata al centro di ricerche con risultati spesso controversi, meglio dunque valutarne attentamente la necessità prima dell’assunzione.

Bellezza - Starbeneblog


Questa opera è pubblicata nel rispetto delle licenze Creative Commons.

© 2019 Nanalab S.r.l.. Tutti i diritti riservati.

P.IVA 09996640018