DONNA
Una vacanza per il benessere tra le splendidi cornici Norvegesi
Scritto il 2013-01-29 da danilat su Salute e benessere

Fonte: www.feniciawellness.com

Prova a chiudere gli occhi e immagina di immergerti in una vasca idromassaggio che infonde profumi e calore o di concederti una sauna e un massaggio rilassante, il tutto con una bellissima vista sul fiordo. Non c’è dubbio che una vacanza termale nelle note località norvegesi è quel che ci vuole per concedersi un po’ di relax fisico ma soprattutto mentale. Anche soltanto pochi giorni terapeutici lontano da routine, problemi e lavoro. La Norvegia è indubbiamente un paese che da questo punto di vista ha molto da offrire, e non è un caso che alcune delle località termali più belle si trovino proprio nell’Europa Settentrionale.

Tra i migliori centri termali nei pressi di Oslo degni di lode non potevano assolutamente mancare il Quality Spa & Resort Norefjell, il Farris Bad, il Dr Holms Spa, tra Oslo e Bergen, e ancora il Quality Spa & Resort Holmsbu, il Grand Hotel Oslo, nel centro della capitale, e Vulkana, una località termale molto caratteristica realizzata su una nave riconvertita a stazione termale galleggiante a Trømso, nella Norvegia del nord. Questi centri sono attrezzati per far fronte alle necessità del turista più esigente in un percorso che tra sauna e bagno turco, vasca idromassaggio e massaggi di bellezza, è in grado di rinvigorire mente e corpo per regalarci un profondo benessere spirituale e una pelle sana, luminosa e assolutamente rilassata. Hai un marito a cui non piacciono trattamenti di bellezza e massaggi? No problem, la Norvegia è indubbiamente storia, shopping ma soprattutto bellezze naturali che lasciano senza fiato.

Sarebbe un sogno concedersi una vacanza termale nella fredda Europa ma, con i tempi che corrono e con la crisi, dovremo accontentarci del solito weekend fuori porta, o di un percorso benessere in un piccolo centro in città. E se qualcuno ti dicesse che per vincere un viaggio in Norvegia devi semplicemente mostrare al mondo intero il tuo urlo più forte e dirompente, ci crederesti? No? Male, perché Visitnorway lancia l’urlo più lungo del mondo per celebrare l’artista norvegese Edvard Munch, l’autore del famosissimo “Urlo”.

In occasione del 150° anniversario della nascita del celebre pittore, Visit Norway, per festeggiare gli splendidi paesaggi norvegesi, presenta con un filmato alcune delle esperienze “da urlo” che si possono vivere in questo splendido paese e invita le persone di tutto il mondo a registrare un video con un urlo liberatorio, condividendo la propria esperienza e partecipando al concorso che premia i più creativi. In palio la possibilità di vivere davvero le attrazioni più belle che la Norvegia possa offrire. Ogni giorno Visitnorway premierà i migliori urli con piccoli regali (maglioni con stampe norvegesi, calzini, giacche da neve), e  gli urli vincitori verranno di volta in volta aggiunti al filmato originale con lo scopo di creare davvero l’urlo più lungo del mondo, un urlo che provenga da tutto il mondo ma che sia così forte da arrivare in Norvegia. Per partecipare a concorso e aggiudicarsi la possibilità di vincere un viaggio da sogno in Norvegia tra centri termali e bellezze naturali, registra il tuo urlo e caricalo su www.visitnorway.com.

Sponsored by Innovasjon Norge

Articoli Correlati
Avrete sicuramente sentito dire che “mettersi a dieta” è soprattutto un fatto di testa, se non siete convinti e non siete motivati dopo al massimo un mese abbandonerete l’impresa. Detto questo come si fa a scegliere la dieta giusta? Dipende. Innanzitutto non ci si dovrebbe affidare alle diete sui giornali, perché prima di stravolgere il vostro regime alimentare dovreste sottoporvi a delle analisi, a meno che il problema non siano quei due/tre chiletti di troppo che sperate di smaltire prima della prova costume. Di diete ce ne sono veramente tante e la maggior parte si basano su un apporto di calorie inferiore agli standard, seguito da un regime di mantenimento non appena l’obiettivo verrà raggiunto. Avrete sicuramente sentito parlare della famosa dieta Dukan basata su un regime alimentare iperproteico che consente di smaltire peso molto velocemente a patto però che vi atteniate alle fasi della dieta. Molta gente l’ha fatta, ha ottenuto dei risultati notevoli, ma forse non tutti vi hanno detto che una dieta troppo ricca di proteine può appesantire troppo i reni, dunque se prevedete di mettervi a dieta per tanto tempo perché avete un problema di obesità, questa non solo probabilmente non è una dieta adatta a voi, ma dovreste comunque farvi seguire da un nutrizionista. Dimagrire non è soltanto un fatto di estetica, ma in primis una questione di salute, mettersi a dieta significa quindi volersi bene, e alcuni ci hanno provato con successo con la dieta Lemme, che consente un dimagrimento rapido e senza troppe rinunce, al contrario della Dukan questa dieta privilegia grassi e proteine, mentre esclude totalmente frutta e verdura. Dubbiosi? E’ normale, ma quanto pare funziona davvero. Per i vegetariani che vogliono mettersi in forma, invece, non c’è nulla di meglio di una dieta vegana basata su frutta, verdura e su alimenti a base di soia, e in generale tutto ciò che non contiene proteine, neppure quelle artificiali. Qualunque sia la vostra necessità, se avete dei problemi con il peso notevoli, non lasciatevi incantare né dalle mode né dalle riviste, rivolgetevi a un medico.

Salute - Style-premiere

Ogni anno una nuova dieta è pronta a rivoluzionare le abitudini alimentari di coloro che tengono costantemente sotto controllo la linea e tentando chi, complice qualche chilo di troppo, è intento a ritrovare la forma perduta, magari in previsione delle vacanze estive. Sebbene sia appena iniziato, questo 2014 sembra aver già le idee ben chiare in materia: ecco dunque quali sono i programmi dietetici che quest'anno andranno per la maggiore tra gli amanti del benessere del fisico. Tra le novità che stanno rapidamente prendendo piede, la migliore secondo il rapporto stilato da U.S. News & World, è la dieta DASH: studiata appositamente per tenere sotto controllo i livelli della pressione sanguigna, è stata considerata salutare e utile anche in caso di diabete. Facendo uso di buone quantità di frutta e verdura ed eliminando la maggior parte di sale e grassi, la DASH deve essere, come in ogni caso, integrata da un programma di esercizi fisici per portare a buoni risultati; approvata dagli specialisti, può essere un ottimo veicolo per un'alimentazione sana ed equilibrata. Anche la dieta mediterranea sarà sulla cresta dell'onda nel 2014: con un perfetto mix di carboidrati, proteine e grassi è da sempre considerata tra migliori da parte dei medici nutrizionisti; in più, grazie ai nutrienti presenti nel cibo, essa può diventare un valido aiuto anche nella prevenzione di patologie cardiache, del diabete e nella prevenzione del cancro. Più nuova ma comunque apprezzata è la dieta volumetrica, basata sul concetto dell'assunzione della stessa quantità di cibo giorno dopo giorno, prediligendo quelli a bassa densità, ovvero grande volume ma poche calorie; frutta e verdura sono al centro di ogni pasto, ma con il giusto equilibrio di nutrienti può essere la dieta adatta a tutti per un dimagrimento duraturo nel tempo. Sempre presenti nella lista di U.S. News & World sono la Mayo Clinic Diet, studiata appositamente per scongiurare il rischio diabete e mantenere i risultati del dimagrimento anche a distanza di anni, assumendola come un vero e proprio stile di vita, e la Weight Watchers, diventata ormai un caposaldo del panorama internazionale grazie alla sua facilità e all'importante presenza di gruppi di supporto durante tutto il processo di perdita di peso. Ottime entrambe per essere seguite da tutta la famiglia, sono adatte nella maggior parte dei casi senza particolari controindicazioni. Due diete iperproteiche che in Italia hanno spopolato negli ultimi mesi, seppur senza grande entusiasmo da parte degli esperti, sono la Tisanoreica e la Dukan; entrambe caratterizzate da un'assunzione di proteine superiore alla norma, sono finite sotto ai riflettori anche grazie alla scelta di molti volti famosi dello spettacolo. Suddivise in fasi, con regole ferree da seguire per raggiungere i risultati sperati, hanno suscitato diversi malumori limitandone l'utilizzo solo per brevi periodi di tempo per evitare eventuali carenze alimentari; per i medici è meglio dunque, ove possibile, puntare su stili di vita corretti, da seguire con costanza per una vita all'insegna della buona salute.

Salute - Style-premiere

Fattori stagionali, stress e tensioni quotidiane, per non parlare dell’inquinamento ambientale e i trattamenti cosmetici aggressivi, i cappelli ciclicamente cadono, ma in alcuni soggetti più che in altri, e in qualche caso in modo letteralmente allarmante. Inoltre la caduta dei capelli, soprattutto nelle donne, ha dei risvolti psicologici ancora più preoccupanti che nell’uomo, visto che in generale i capelli influenzano la piacevolezza estetica, e probabilmente anche perché la calvizie femminile è meno accettata di quella maschile. In pratica, per una donna, perdere i capelli è un po’ come compromette la propria femminilità. Al contrario di come ci raccontano le nonne, non è la stagione “delle castagne” a indebolire i capelli e farli cadere, ma più in generale in generale il capello è sottoposto ad un ciclo di ricambio per cui in particolari periodi dell’anno, le donne, ma anche gli uomini, tendono a perdere i capelli. In linea di massima, quindi, la caduta dei capelli è di carattere transitorio, ma bisognerà comunque intervenire per stimolare la produzione di capelli con integratori appositi ma soprattutto accertandosi, in primis, che il nostro organismo non abbia degli scompensi che ne provocano la caduta. Cosa fare? In primi gli esami del sangue che ci diranno se effettivamente alla base della caduta dei capelli c’è una qualche carenza: la caduta dei capelli, ad esempio, è molto spesso associata a una carenza di ferro. Nel caso in cui le analisi non mettano in evidenza una qualche causa, bisognerà rivolgersi al proprio medico generico, che se lo riterrà opportuno vi prescriverà degli integratori e delle fiale per rinforzare il capello e per stimolarne la crescita. Durante questi periodi meglio evitare qualsiasi trattamento cosmetico aggressivo, è altamente consigliato utilizzare uno shampoo per lavaggi frequenti ed evitare l’utilizzo di piastre e ferri per capelli. Nei casi in cui la perdita dei capelli duri un periodo molto lungo, meglio rivolgersi ad un esperto che studi il problema e risalga esattamente alla causa della caduta.

Salute - Style-premiere


Questa opera è pubblicata nel rispetto delle licenze Creative Commons.

© 2019 Nanalab S.r.l.. Tutti i diritti riservati.

P.IVA 09996640018